Rifiuti e riciclo

A Empoli Plastic Free da record: i volontari raccolgono due tonnellate di rifiuti

Empoli Plastic free -Toscana ambiente
Foto Comune di Empoli

Ottanta i partecipanti di tutte le età che non si sono fermati neanche di fronte alla pioggia e ai percorsi più impervi.

 

di Iacopo Ricci

Empoli Plastic free_1EMPOLI (Fi) – Un freezer, quattro pneumatici da camion, un materasso, un televisore, un forno micro onde, un cartello stradale. E poi ferraglia, plastica e schifezze varie per un bottino finale di due tonnellate di rifiuti raccolti.
Questa volta Plastic Free Empoli ha messo il turbo e lo ha fatto portando a casa numeri di tutto rispetto.
È successo domenica mattina nell’ambito della data nazionale di raccolta rifiuti abbandonati indetta dall’associazione Plastic Free (leggi qui l’articolo). Il gruppo di Empoli ha scelto di ripulire la zona Pratovecchio – via Sant’Anna, particolarmente colpita dagli abbandoni selvaggi.

Ottanta volontari di tutte le età muniti dei ‘ferri del mestiere’ (pinze, guanti e scarponi) non si sono fermati neanche di fronte alla pioggia, che domenica faceva sul serio. E sì che in alcuni punti è stata una gran faticaccia, vuoi per l’alta vegetazione, vuoi perché molti rifiuti si erano cacciati in zone ripide e impervie da raggiungere. Ma ci vuol altro per scoraggiare i volontari ambientali.

A guidare il piccolo esercito il referente di zona Massimiliano Goretti insieme al neo promosso referente provinciale Alberto Vezzani. Erano della partita – e si sono dati un gran da fare – anche Massimo Marconcini e Alessio Mantellassi, rispettivamente assessore all’Ambiente e presidente del Consiglio Comunale di Empoli.

Gruppo Plastic free_Toscana ambiente

Per gli organizzatori un risultato oltre le aspettative. Entusiasta Massimiliano Goretti, alla sua prima esperienza come referente di Empoli: «La città ha risposto come sempre con i grandi numeri nella partecipazione. L’associazione sta crescendo ogni volta e noi siamo orgogliosi per questa attenzione e sensibilità soprattutto dei giovani verso l’ambiente. Abbiamo incontrato difficoltà in alcuni punti per l’alta vegetazione e particolarmente impegnativo è stato il percorso in salita per arrivare al punto in cui dalla strada di grande comunicazione Firenze – Pisa – Livorno vengono lanciati i rifiuti di varia grandezza. Grazie a tutti i partecipanti”.

«Un esercito blu che oggi ha raggiunto il numero più alto di presenza in Toscana – ha aggiunto il referente provinciale Alberto Vezzaniche non si è fermato né per la pioggia né per i percorsi impervi, che ha raccolto più del dovuto e che ha già individuato altri obiettivi che saranno resi noti quando organizzeremo le prossime raccolte. Ci rivedremo presto».

Tags

Toscana Biologica e-commerce

Il Mulino di Pietra e-commerce

Advertisement