Attualità

A Grosseto per il quarto anno consecutivo si farà educazione ambientale nelle scuole

Foto di gruppo con i partner del progetto. Al centro il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l'assessore all'Ambiente Simona Petrucci.
Foto di gruppo con i partner del progetto. Al centro il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l'assessore all'Ambiente Simona Petrucci.
Coinvolti  oltre 3.000 alunni tra elementari e medie. Il progetto è stato completamente rinnovato, i temi scelti per quest’anno sono acqua, suolo, aria, inquinamento e rifiuti.

 

GROSSETO – Un ciclo di lezioni sull’educazione ambientale per gli alunni delle scuole elementari e medie: lo propone per il quarto anno consecutivo il Comune di Grosseto.
Rispetto alle edizioni precedenti il progetto, voluto dall’assessore all’Ambiente Simona Petrucci, è stato completamente rinnovato ampliando sia la platea dei ragazzi coinvolti (oltre 3.000) che quello dei professionisti chiamati a partecipare attivamente all’iniziativa.
Acqua, suolo, aria, inquinamento e rifiuti sono i temi prescelti. La IV edizione del Progetto si concluderà anche quest’anno con la Festa dell’Educazione Ambientale al Campo Zauli.

Per le scuole elementari statali ci sono i progetti TartAmare sulle tartarughe e la tutela del mare, economia circolare sul riutilizzo dei materiali, tutela della risorsa idrica con Acquedotto del Fiora, viaggio Oltre Il Duomo con un focus sui rifiuti del passato trovati sotto la Cattedrale, visita all’impianto Futura.
Per le scuole medie: “Pianta un albero nel tuo giardino” per la tutela del verde e Waste Travel 360°, cioè un viaggio virtuale tra gli impianti che lavorano i rifiuti per capire le corrette pratiche della raccolta differenziata.

Il progetto quest’anno vede la partecipazione di molti partner che affiancheranno il Servizio Ciclo dei Rifiuti del Comune di Grosseto. Oltre alla riconferma dell’associazione TartAmare, interverranno infatti nuovi interlocutori come Acquedotto del Fiora Spa, Museo Archeologico e d’Arte della Maremma, in collaborazione con la Società Naturalistica Speleologica maremmana e la Diocesi di Grosseto, Futura Spa e Settore Gestione del Territorio del Comune di Grosseto.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags