Ecosistema Ricerca

Alla Versiliana non solo cultura, trovato raro esemplare di Cervo volante

cervo-volante-toscana-ambiente
La scoperta fatta dai ricercatori del Wwf Alta Toscana. Il coleottero è inserito fra le specie animali di interesse comunitario tutelate dalla Direttiva Habitat.

 

MARINA DI PIETRASANTA (Lu) – Il Parco della Versiliana comprende ottanta ettari di bosco secolare. Negli spazi accanto alla Villa viene organizzato tutte le estati il celebre festival La Versiliana che offre sempre un ricco calendario di eventi culturali, dai concerti alle presentazioni dei libri, dagli spettacoli teatrali alla danza.

Nei giorni scorsi i ricercatori del Wwf Alta Toscana, impegnati in una ricerca sulla fauna erpetologica, hanno trovato un esemplare femmina di Cervo volante (Lucanus cervus) che attraversava un sentiero della tenuta. Il Cervo volante è un coleottero inserito fra le specie di interesse comunitario tutelate dalla Direttiva Habitat. La specie è caratterizzata da un forte dimorfismo sessuale, il maschio possiede enormi mandibole che ricordano le corna di un cervo mentre la femmina, di dimensioni minori, ha mandibole molto più corte.

In Italia l’adulto compare di solito a fine maggio, rimane attivo per circa 3-4 settimane e il periodo di volo si protrae al massimo fino ad agosto inoltrato. Si nutre della linfa degli alberi o di frutta matura. Durante il periodo riproduttivo i maschi ingaggiano lunghi duelli usando come arma le grandi mandibole. La femmina depone le uova generalmente vicino alle radici di grossi alberi; la larva si sviluppa all’interno del tronco in decomposizione, scavando gallerie e nutrendosi del legno morto. Il suo sviluppo può richiedere fino a 6-7 anni.

La ceduazione intensiva del bosco, la rimozione del legno morto e soprattutto il danneggiamento delle ceppaie sono le principali minacce per la sopravvivenza di questo coleottero. Infatti il parametro principale per determinare la qualità dell’habitat di Lucanus cervus è la presenza di legno morto. E’ importante, spiega il WWF, che le operazioni selvicolturali vengano svolte con la massima attenzione per proteggere la biodiversità del bosco.

Fonte: Wwf Lucca

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags
error

Condividi l'articolo sui tuoi social