Attualità

Bagno a Ripoli, addio snack a scuola. Arriva l’app per prenotare la merenda di qualità

Foto d'archivio
Foto d'archivio
Via al progetto Snack Revolution nella scuola media Redi che ha detto addio alle macchinette. Spuntini salutari con prodotti di filiera che d’ora in poi possono essere scelti con un semplice clic.

 

BAGNO A RIPOLI (Fi) – Alla scuola media Redi a Bagno a Ripoli la merenda è salutare, e da oggi anche smart. Via le merendine confezionate delle macchinette, già eliminate in via definitiva da alcune settimane, gli spuntini di metà mattinata sono preparati ogni giorno dalla SIAF, la società di refezione del Comune, con prodotti freschi e di filiera corta.

Ma d’ora in poi c’è un’altra novità: gli alunni (o meglio i loro genitori) potranno scegliere e pagare la merenda direttamente sullo smartphone. È infatti entrata in funzione in questi giorni la App Snack Revolution che aggiunge l’ingrediente della tecnologia al progetto di educazione alimentare ideato e organizzato dall’Istituto comprensivo “Caponnetto”, amministrazione comunale e SIAF.

“Sono una settantina per il momento i ragazzi della Redi che hanno aderito con entusiasmo al progetto – spiega il sindaco Francesco Casini -. Ma siamo sicuri che la partecipazione crescerà adesso che c’è la App. Uno strumento con cui già molti ragazzi hanno familiarità e che ci darà la possibilità di mettere in atto un sistema sempre più condiviso e innovativo per la distribuzione della merenda di qualità nella scuola”.

Gli fa eco l’assessore alla Scuola Francesco Pignotti: “L’eliminazione delle macchinette con i prodotti confezionati nella plastica, la preparazione di merende sane e più buone, e ora anche la possibilità di ordinare e pagare con lo smartphone: questi sono gli ingredienti di una scuola vicina ai ragazzi ma allo stesso tempo attenta all’ambiente e al benessere alimentare”.

La App “Snack Revolution” si può scaricare gratuitamente su Google Play e su Apple Store. Per i genitori è sufficiente compilare un modulo con il quale si richiede l’adesione al progetto, dopodiché potranno accedere all’applicazione, prenotare e pagare la merenda (1,50 euro a spuntino). La prenotazione può essere fatta per l’intera settimana o per un solo mattino, la App fornisce tutti gli aggiornamenti sulla “merenda del giorno” e consente di pagare con carta di credito attraverso un Pos virtuale e sicuro.

Ogni giorno della settimana è prevista una diversa merenda e il “menù” cambierà circa una volta al mese sulla base dei suggerimenti che SIAF richiederà direttamente ai ragazzi attraverso i loro rappresentanti. In questo periodo, ad esempio, alla scuola Redi nel menù ci sono pizza (due volte a settimana), panino con tacchino, insalata e salsa verde (tutto preparato dai cuochi SIAF), schiacciata con cosciotto di maiale cotto a lenta cottura senza conservanti, panino con prosciutto crudo di Parma. La base per la pizza, le schiacciate e i panini sono preparati da “Il forno di Gabri” di Rufina con grani antichi di “Spighe Toscane” coltivati nel territorio di Bagno a Ripoli. Per diete speciali possono essere richieste merende specifiche attraverso l’ufficio scuola del Comune.
Il progetto già attivato alla Redi è pronto per essere esportato. La scuola media Granacci nel capoluogo sta valutando la possibilità di adottare in via sperimentale “Snack Revolution” a partire da gennaio.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags
error

Condividi l'articolo sui tuoi social