Attualità Rifiuti e riciclo

Cancellata dal Consiglio di Stato l’autorizzazione per l’inceneritore di Firenze

Inceneritore-case-passerini
Rimane in piedi il ricorso di Q.thermo contro la Regione Toscana. Le associazioni ambientaliste: “Attendiamo fiduciosi di veder cancellata ogni traccia di questo infausto progetto”.

 

FIRENZE Con la sentenza pubblicata oggi il Consiglio di Stato ha sancito il suo ultimo “stop” all’inceneritore di Case Passerini e ha condannato la società Q.thermo al risarcimento delle spese processuali sostenute dalle associazioni ambientaliste. Ne danno l’annuncio con un comunicato congiunto Forum Ambientalista, Italia Nostra, Mamme No Inceneritore, Presidio No Inc – No Aero, WWF Italia.

“Il Consiglio di Stato ha emesso la sentenza con cui dichiara inammissibile il ricorso per la revoca a Q.tHermo. La società, composta da Alia SpA e dal gruppo Hera, aveva tentato la strada di una sorta di terzo grado di giudizio amministrativo. Nessun abbaglio dei sensi per i giudici romani, nessun errore di fatto riconosciuto sulla precedente sentenza del 24 maggio 2018. Con la sentenza pubblicata oggi, 30 marzo 2020, viene condannata Q.tHermo anche al risarcimento delle spese processuali delle associazioni ambientaliste (Forum Ambientalista, Italia Nostra e Wwf Italia) e dei Comuni di Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio.

Vittoria piena, quindi, e definitivamente cancellata l’autorizzazione Unica rilasciata illegittimamente nel 2015 dalla Città Metropolitana di Firenze, laddove non si diceva né dove, né quando si sarebbero dovute fare le opere di mitigazione ambientale (i boschi della Piana). Rimane in piedi il ricorso che Q.tHermo ha presentato al Tar Toscana contro il diniego della Regione Toscana a una nuova autorizzazione che prescindesse dalla realizzazione dei boschi della Piana. Attendiamo fiduciosi di veder cancellata questa e ogni altra traccia di questo infausto progetto portato avanti in primis dall’Amministrazione comunale fiorentina.

Tags

Toscana Biologica e-commerce

Il Mulino di Pietra e-commerce