Agricoltura

Dopo mesi di insabbiamento pubblicato il PAN sui pesticidi

Foto di gruppo dopo la conferenza stampa di ieri 30 luglio a Montecitorio (foto dalla pagina Facebook No pesticidi)
Foto di gruppo dopo la conferenza stampa di ieri 30 luglio a Montecitorio (foto dalla pagina Facebook No pesticidi)
Il documento ha visto la luce oggi, ma restano molte incognite sui contenuti. Proprio ieri a Montecitorio la conferenza stampa delle associazioni ambientaliste.

 

di Gabriella Congedo

Il Piano d’azione per l’uso sostenibile dei fitofarmaci (PAN) è stato finalmente pubblicato oggi 31 luglio, proprio all’indomani della conferenza stampa indetta a Montecitorio dalle molte associazioni impegnate su agroecologia e sviluppo sostenibile,

Il precedente PAN era scaduto il 12 febbraio. Da tempo il nuovo Piano avrebbe dovuto essere sottoposto a consultazione pubblica ma, sebbene i ministeri dell’Ambiente e della Salute si fossero già espressi favorevolmente al testo proposto dal Comitato tecnico-scientifico appositamente costituito, il documento è rimasto per mesi bloccato nelle stanze del ministero dell’Agricoltura.

Un vero e proprio insabbiamento, a detta di diverse organizzazioni, probabilmente motivato dai contenuti del testo che dovrebbe prevedere regole più severe per l’uso dei pesticidi, fissando distanze di sicurezza dalle abitazioni, dalle scuole e dalle altre aree pubbliche, nonché limitazioni all’uso delle sostanze chimiche tossiche e nocive all’interno delle aree naturali protette e dei siti della rete Natura 2000. “Misure che probabilmente – dichiarano i promotori della conferenza stampa a Montecitorio – non sono gradite all’industria dell’agrochimica e alle associazioni agricole, di cui questo Governo è stato spesso fedele sostenitore”.

In attesa di conoscere il testo, la speranza è che corrisponda alle attese di chi si è tanto battuto in questi mesi. Per il WWF e le associazioni (Lipu, Legambiente e ISDE) che partecipano alla campagna Cambia la Terra, promossa da Federbio, sono necessarie modifiche sostanziali rispetto al vecchio PAN.
In particolare il nuovo PAN Pesticidi dovrebbe indicare con priorità i seguenti obiettivi:

  • Ridurre i rischi di contaminazione per i residenti nelle aree rurali e gli agricoltori fissando distanze minime di sicurezza dalle abitazioni e dalle coltivazioni biologiche.
  • Nei siti Natura 2000 e nelle altre aree naturali protette dev’essere vietato l’uso di pesticidi pericolosi per gli habitat e le specie selvatiche.
  • Adottare tecniche biologiche per la manutenzione delle aree non agricole (rete viaria, ferroviaria) con particolare attenzione al verde pubblico e agli spazi utilizzati dalla popolazione delle città.
  • Prevedere il divieto totale del glifosate in Italia entro il 2022, escludendo qualsiasi ipotesi di rinnovo dell’autorizzazione concessa per cinque anni dall’Unione Europea il 27 novembre 2017.
  • Definire criteri più rigorosi per la concessione delle deroghe per l’uso di pesticidi di norma vietati a causa della loro pericolosità per la salute umana e per gli ecosistemi.
  • Rafforzare i sistemi di monitoraggio e controllo.

Infine, le associazioni ambientaliste vogliono che il nuovo PAN Pesticidi indichi con chiarezza l’obiettivo del 40% della Superficie Agricola Utilizzata nazionale (SAU) condotta con il metodo biologico entro il 2030.
Se il documento finalmente “scongelato” dalle stanze ministeriali corrisponderà alle attese, comunque, lo vedremo presto.

Condividi l'articolo sui tuoi social
error

Condividi l'articolo sui tuoi social