Ecosistema

Elba, da Legambiente un marchio per i lidi a misura di tartaruga

Foto Legambiente
Foto Legambiente
Si chiama TartaLove il programma di protezione a 360° che coinvolgerà tutti gli operatori delle spiagge. Chi sottoscrive il protocollo potrà esporre la bandiera azzurra.

 

ISOLA D’ELBA (Li) – Un programma di protezione a 360° per le tartarughe marine che sceglieranno anche quest’anno l’isola d’Elba come luogo di nidificazione, come è successo nel 2017 a Marina di Campo e l’anno scorso a Straccoligno.
E’ la grande novità del progetto TartaLove con il quale Legambiente e il Parco Nazionale Arcipelago Toscano, mentre continua l’impegno dei volontari, coinvolgeranno gli stabilimenti balneari, i punti blu e tutti gli operatori delle spiagge nella cura di queste affascinanti creature marine.

bandiera TartaloveGli stabilimenti balneari e i punti blu che decideranno di diventare “amici delle tartarughe”, dopo aver aderito al “Protocollo per la gestione responsabile delle spiagge” verranno insigniti della bandiera azzurra di Tartalove da esporre presso la propria attività.

La sottoscrizione del protocollo – al quale a livello nazionale aderisce la Federazione Italiana Imprese Balneari (FIBA) di Confesercenti – impegna i gestori degli stabilimenti in azioni ben precise: per esempio istruire gli addetti alle pulizie degli arenili su come riconoscere le tracce di tartarughe marine e cosa fare in caso di presenza di nidi o di piccoli; diffondere le informazioni corrette ai turisti sui comportamenti da seguire per non danneggiare i nidi e non spaventare con luci e rumori eccessivi gli esemplari in cerca di un luogo appartato; distribuire il materiale informativo fornito da Legambiente.

Il primo incontro tra Legambiente Arcipelago Toscano e gli operatori balneari, con la partecipazione del sindaco di Campo nell’Elba Davide Montauti, avrà luogo giovedì 30 maggio ai Bagni da Sergio sulla spiaggia di Marina di Campo, dove quest’anno è atteso il ritorno della tartaruga Federica, che due anni fa nidificò proprio su questa spiaggia arricchendo il mare con 103 tartarughine.
Per gli operatori delle altre spiagge dell’Elba, potenziali luoghi di nidificazione, sono previsti incontri individuali con gli esperti di Legambiente.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags
error

Condividi l'articolo sui tuoi social