Agricoltura Attualità

I giovani e la terra: è sbocciato l’amore anche in Toscana

giovani-terra-ambiente-toscana

In Toscana 3.850 aziende agricole, il 16,5% del totale, hanno un titolare under 40. Tra le nuove misure per favorire l’apertura di aziende anche la semplificazione degli adempimenti burocratici.

I giovani, prima e meglio di altri, hanno capito che l’Italia per crescere deve puntare su quegli asset di distintività nazionale che garantiscono un valore aggiunto nella competizione globale come il territorio, il turismo, la cultura, l’arte, il cibo e la cucina. E’ per questo che molti di loro hanno scelto il settore agricolo come campo per intraprendere nuove imprese: nel 2017 a livello nazionale sono aumentati del 6% gli under 40 titolari di imprese agricole. Numeri importanti anche per la Toscana visto che secondo recenti dati Inps delle 23.300 aziende agricole toscane condotte in forma autonoma ben 3.850 hanno un titolare under 40, quindi siamo al 16.5%.

Oltre al raddoppio dei fondi, le scelte adottate dall’Italia – sottolinea la Coldiretti – prevedono una serie di altre misure per favorire l’apertura di nuove aziende agricole anche attraverso la semplificazione degli adempimenti burocratici. Per quanto riguarda il greening – continua la Coldiretti – oltre alle semplificazioni per leguminose, erba medica e riso che sono direttamente applicabili dal 1° gennaio 2018, si è deciso di includere tra le aree d’interesse ecologico (EFA) i terreni a riposo con copertura vegetale di specie mellifere, redigendo anche una lista delle colture seminabili.

Per questa schiera di giovani imprenditori sono ancora aperte le iscrizioni per il premio di Coldiretti Giovani Impresa per l’innovazione dedicato alle giovani start up nelle campagne italiane. Le iscrizioni sono aperte dal 9 marzo fino al 15 aprile 2018 e si possono presentare attraverso il sito web http://giovanimpresa.coldiretti.it

Fonte: Coldiretti Toscana

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags

Video