Agricoltura Mondo Bio

Il bio cresce in Toscana, Fiesole è un distretto biologico ufficiale

Fiesole-Distretto-biologico-toscanas
Foto da pagina Facebook Associazione del Distretto Biologico di Fiesole

Firmato oggi dagli uffici regionali il decreto di riconoscimento. Fiesole diventa così il primo distretto biologico della Toscana.

 

FIESOLE (Fi) – I biodistretti rappresentano uno strumento fondamentale per dare concretezza alle nuove politiche europee del GreenDeal e della strategia Farm to Fork. La Toscana si è posta l’obiettivo del 40% della superficie agricola coltivata a biologico da qui al 2030, essendo tale superfice già oltre il 30%. Le superfici biologiche della regione hanno raggiunto i 144 mila ettari e gli operatori sono oltre 5.000, con le colture foraggere (30%), cerealicole (17%), viticole (10%) e olivicole (11%) che fanno la parte del leone in termini percentuali.

La buona notizia di oggi arriva dagli uffici regionali e riguarda la firma del decreto che riconosce ufficialmente il distretto biologico di Fiesole e approva il progetto economico territoriale presentato dall’amministrazione comunale fiesolana, un progetto che durerà cinque anni e farà di Fiesole un comune a vocazione green. Il distretto sarà dunque inserito dal ministero per le Politiche Agricole nell’Albo nazionale dei distretti del cibo.

Impegnato da tempo su questa tematica, già distretto rurale a vocazione biologica, Fiesole ha passato l’esame imposto dalla legge regionale sui distretti biologici, dimostrando di avere tutte le carte in regola. Con almeno il 30% di produzione biologica che prevede di incrementare, le oltre 45 aziende agricole bio e con il suo piano economico integrato ben fatto, Fiesole ha tra le sue priorità lo sviluppo del biologico e la tutela e promozione delle produzioni bio del territorio e delle filiere collegate, lo sviluppo della filiera corta, la promozione dell’agrobiodiversità insieme alla valorizzazione delle conoscenze contadine e tradizionali del territorio e la volontà di promuoverle.

“L’iter, avviato nel 2015, ha visto via via varie tappe importanti che oggi vedono finalmente il loro coronamento  – ha commentato la vicepresidente e assessore all’Agricoltura della Regione Toscana Stefania Saccardi -. Attendiamo che presto altri Comuni seguano la stessa strada. La legge regionale sui distretti biologici prevede un tavolo dei distretti che dovrà riunirsi almeno due volte l’anno e ci auguriamo che a quel tavolo si siedano presto molti altri protagonisti”.

“Nato dall’esperienza del gruppo di lavoro Cittadini per Fiesole, Consumo consapevole e mangiar sano il lavoro ha via via coinvolto il territorio che ha reagito da subito con grande attenzione a tutto ciò che è biologico, naturale e rispettoso per l’ambiente -– aggiunge il sindaco di Fiesole Anna Ravoni -.  Rappresenta un importante segnale nei confronti dell’intera comunità fiesolana che da tempo si è messa in moto per una rinascita economica basata sui valori della solidarietà e dell’accoglienza, del benessere e della tutela dell’ambiente.”

Fonte: Regione Toscana

Tags

Toscana Biologica e-commerce

Il Mulino di Pietra e-commerce