Attualità

Il Comune di Greve in Chianti autorizza i dipendenti a portare il cane in ufficio

Una dipendente del Comune di Greve con il suo cane.
Una dipendente del Comune di Greve con il suo cane.
Al via progetto sperimentale di un anno. Il sindaco Paolo Sottani: “L’ufficio pet friendly un’opportunità che migliora il clima di lavoro favorendo benessere e produttività”.

 

GREVE IN CHIANTI (Fi) – A Greve in Chianti gli uffici comunali diventano pet friendly. Il Comune infatti ha autorizzato i dipendenti che possiedono un cane a tenerlo con sé durante l’orario di lavoro. Si tratta di un progetto sperimentale che avrà la durata di un anno.

L’obiettivo, spiega il sindaco Paolo Sottani, è quello di favorire condizioni di benessere incrementando attenzione, motivazioni e produttività. “Nel rispondere alla richiesta di alcuni nostri dipendenti che avevano problemi a lasciare soli in casa i loro cani abbiamo deciso di estendere la sperimentazione a tutti gli impiegati, compatibilmente con il complesso di regole che abbiamo stabilito e di cui occorre tener conto”.

Perché la presenza del cane contribuisca a generare un clima positivo anche nel rapporto tra i colleghi il Comune ha posto condizioni precise. Il cane dovrà essere in regola con le vaccinazioni, aver fatto i trattamenti antiparassitari ed essere pulito e spazzolato. Il dipendente dovrà utilizzare un guinzaglio di misura non superiore a mt 1,50 e portare con sé una museruola da applicare in caso di necessità.

Volendo si potrà utilizzare la pausa caffè per fare una passeggiata con il cane ma il tempo dedicato all’animale per qualunque altra necessità non sarà computato come tempo di lavoro e dovrà essere recuperato. Infine, il dipendente ha l’obbligo di tenere tranquillo il cane in modo da evitare che abbai o disturbi i colleghi o il pubblico.

Secondo l’indagine Eurispes del 2019 un terzo della popolazione vive con almeno un animale domestico, nella maggior parte dei casi si tratta di cani e gatti, e il 76,8% dei proprietari li considera a tutti gli effetti membri della famiglia.

Condividi l'articolo sui tuoi social