Aziende

Le aziende e le buone pratiche ambientali, nasce l’Osservatorio DNF

Osservatorio-DNF-Siena-Toscana-ambiente
Pratiche e comportamenti aziendali inclusivi e rispettosi dell’ambiente in un database online accessibile a tutti. Da un progetto dell’Università di Siena.

 

SIENA – Da un progetto dell’Università di Siena e CSR Manager Network, l’associazione italiana che riunisce i professionisti che si dedicano a strategie di sostenibilità, è nato l’Osservatorio DNF – Osservatorio delle Dichiarazioni Non Finanziarie (DNF) e delle Pratiche Sostenibili, una piattaforma online accessibile a tutti gratuitamente. Si tratta di quelle dichiarazioni che si affiancano al bilancio finanziario e che danno informazioni sulle performance ambientali, sociali e riguardanti la gestione del personale, così come sulle politiche a tutela dei diritti umani e per la lotta contro la corruzione.

L’Osservatorio, consultabile online mette a disposizione un database con le 211 Dichiarazioni Non Finanziare raccolte, relative all’esercizio 2017, e alcune analisi preliminari presentate in forma infografica. Per presentare il database interattivo e i dati raccolti finora l’Osservatorio ha organizzato un seminario on line che si terrà mercoledì 3 aprile alle ore 15, attraverso la piattaforma Webex. L’Osservatorio DNF, unico nel suo genere, è un’iniziativa di un gruppo di ricerca del dipartimento di Studi aziendali e giuridici dell’Università di Siena, diretto dal professor Roberto Di Pietra.

“L’Osservatorio fornisce alle imprese, agli analisti, ai consumatori e a tutti i portatori di interesse la possibilità di accedere direttamente alle rendicontazioni non finanziarie delle aziende – dice il presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio Angelo Riccaboni-. In questo modo vengono valorizzate le migliori pratiche e sono stimolati comportamenti aziendali sempre più inclusivi e rispettosi dell’ambiente. Tutto questo è in linea con la consapevolezza che le imprese possono e devono dare un contributo al perseguimento di uno sviluppo maggiormente sostenibile”.

Fonte: Università di Siena

Tags