Rifiuti e riciclo

Lucca Comics si aggiudica per il terzo anno il marchio “Evento Rifiuti Zero”

Lucca Rifiuti Zero Toscana-ambiente
La nuova collezione di bicchieri eco-friendly

Bicchieri riutilizzabili, stoviglie e packaging nei punti ristoro del festival 100% biodegradabili. Obiettivo: meno rifiuti più riciclo.

 

Redazione

LUCCA – Per il terzo anno Lucca Comics & Games (29 ottobre – 1° novembre), il più importante evento europeo dedicato al mondo del fumetto, del gioco e del fantasy, si è guadagnato il brand di “Evento Rifiuti Zero” da Zero Waste Italy. Il riconoscimento viene attribuito solo a quelle manifestazioni che seguono un rigido disciplinare per la riduzione dei rifiuti ideato da Paul Connett e portato in Italia da Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Italy e del Centro Rifiuti Zero di Capannori.
Il festival conferma così la sua vocazione eco friendly proseguendo un percorso iniziato nel 2018 verso la sostenibilità e la riduzione dei rifiuti.

Tra le diverse iniziative spicca la collezione di bicchieri ecofriendly (ovvero riutilizzabili e pensati per sostituire quelli usa e getta) ispirati al poster del festival, creato da Paolo Barbieri. Ognuno dei tre bicchieri, che si aggiungono a quelli realizzati nelle passate edizioni, ripropone dei particolari del manifesto per celebrare Lucca, la sua storia culturale, artistica e architettonica. L’intera collezione sarà disponibile nei punti ristoro ufficiali del Lucca Comics & Games al Palazzetto dello Sport, in Cavallerizza e al Polo Fiere.

Ma la scelta “eco friendly” non si limita ai bicchieri. Tutte le stoviglie e il packaging impiegati nei punti ristoro interni al festival gestiti da Ristogest  saranno interamente biodegradabili grazie a piatti, posate e vaschette in parte di polpa di cellulosa, in parte di cartoncino riciclabile e parte di mater-b.

Durante il festival si terrà l’incontro “Art, Waste & Tokens – Arte, ambiente & NFT” (29 ottobre ore 10,30 – Sala Tobino) con Rossano Ercolini di Zero Waste Italy e il fumettista Lorenzo Ceccotti in arte LRNZ per discutere di sostenibilità ambientale nella tecnologia NFT (Non Fungible Token):  i certificati “di proprietà” su opere digitali che stanno avendo grande successo ma sono oggetto di critiche per il forte impatto ambientale.
Zero Waste Italy è stata chiamata ad allestire un corner nella centralissima Chiesa dei Servi dove verrà esposta la Vetrina dei prodotti Rifiuti Zero alternativi ai prodotti usa e getta della famigerata “Doppia sporca dozzina”

Tags

Toscana Biologica e-commerce

Il Mulino di Pietra e-commerce