Attualità

Maschere da koala e fiamme di cartone, sit-in di Extinction Rebellion a Firenze

Foto da Extinction Rebellion Firenze.
Foto da Extinction Rebellion Firenze.
Gli attivisti: “Il governo australiano rifiuta di ammettere che l’eccezionale violenza degli incendi è una conseguenza del cambiamento climatico e non vuole prendere i provvedimenti necessari”.

 

FIRENZE – Questa mattina gli attivisti di Extinction Rebellion hanno organizzato un sit-in in piazza della Repubblica indossando maschere da koala e fiamme di cartone per protestare contro l’atteggiamento del governo australiano che, a loro giudizio, “si rifiuta di ammettere che l’eccezionale violenza e durata degli incendi è una conseguenza del cambiamento climatico già in atto e non vuole prendere i provvedimenti necessari, come l’interruzione dell’attività delle cave di carbone“.

La protesta è durata per tutta la mattina. I manifestanti hanno fermato i passanti per illustrare le ragioni dell’iniziativa e offerto loro biscotti, e lo stesso hanno fatto con le forze dell’ordine che presidiavano la piazza. Tutte le persone interpellate erano a conoscenza di quello che sta accadendo in Australia e in molti si sono presi il tempo di parlare con gli attivisti e li hanno incoraggiati a proseguire nella loro azione per sensibilizzare l’opinione pubblica e i governi.

“La preoccupazione della popolazione per l’emergenza climatica ed ecologica è ormai tangibile – hanno dichiarato i manifestanti – e altrettanto tangibile è l’incapacità dei governi di rispondere in modo efficace e tempestivo, come invece sarebbe necessario quando ci si trova in un’emergenza. Gli incendi lo dimostrano, le foreste australiane normalmente sono soggette a incendi estivi come ciclo naturale per rigenerarsi ma con questa forza e vastità non l’avevano mai fatto. Per questo oggi siamo scesi in piazza, per ribellarci contro gli affari che arricchiscono pochi causando la sofferenza di tutti e contro un sistema tossico che vuole auto mantenersi a ogni costo negando l’emergenza climatica ed ecologica”.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags