Attualità Mondo Bio

Mense scolastiche sempre più bio, fondo di 10 milioni dal Ministero

mensa-scolastica
Sarà a disposizione dei Comuni e servirà a garantire menù biologici senza spese aggiuntive per le famiglie. Federbio: “Bene, ora fare chiarezza nell’ambito della ristorazione commerciale”.

 

di Iacopo Ricci

Mense scolastiche sempre più biologiche. Il Ministero delle Politiche Agricole ha stanziato 10 milioni di euro per potenziarle.
Il fondo, che sarà a disposizione dei Comuni italiani, è stato istituito con l’obiettivo di fornire menù bio senza spese aggiuntive sul costo della mensa e di promuovere contemporaneamente attività di informazione e promozione negli istituti scolastici.

Per aver diritto a essere qualificata come biologica la mensa scolastica è tenuta a rispettare le percentuali minime di utilizzo di materia prima biologica per ogni singola tipologia di prodotto: frutta, ortaggi, legumi, prodotti trasformati di origine vegetale, pane e prodotti da forno, pasta, riso, farine, cereali e derivati, olio extravergine, almeno 70%; uova, yogurt e succhi di frutta 100%; prodotti lattiero caseari – escluso lo yogurt-, carne, pesce da acquacoltura almeno 30%.

Soddisfatta della novità FederBio, la federazione nazionale del mondo del biologico. Il sostegno ai Comuni virtuosi che utilizzano prodotti biologici nelle mense scolastiche è, secondo il suo presidente Paolo Carnemolla, “un segnale importante, che può consolidare e sviluppare le iniziative già messe in campo lo scorso anno da alcune Regioni. È anche l’occasione per ribadire l’importanza di una norma nazionale sulla ristorazione biologica che aumenti le garanzie per le mense pubbliche e consenta di fare chiarezza nell’ambito della ristorazione commerciale, accompagnando l’incremento dell’uso di prodotti biologici nell’offerta di alimentazione fuori casa”.

Condividi l'articolo sui tuoi social