Ecosistema

Operazione ‘Salva il rospo’ a Capannori: già messi in salvo dai volontari 90 esemplari

Uno dei rospi salvati dai volontari
Uno dei rospi salvati dai volontari
La campagna di salvataggio è ripartita alcuni giorni fa con il sostegno del Comune. In questo periodo molti anfibi finiscono schiacciati dalle auto mentre attraversano la strada.

 

CAPANNORI (Lu) – In tantissimi muoiono schiacciati dalle automobili mentre cercano di attraversare la strada per raggiungere una pozza o un laghetto. Non tutti lo sanno ma rospi, rane e tritoni sono un anello insostituibile dell’ecosistema; il loro tasso di riproduzione però diventa di anno in anno più basso.
Per salvarne quanti più è possibile ha preso il via da qualche giorno a Capannori l’operazione “Salva il rospo 2020” con un gruppo di volontari che aiuta gli anfibi ad attraversare la strada evitando che vengano investiti dalle auto.

In questo periodo infatti, complici l’innalzamento delle temperature e le piogge, i rospi, dopo aver svernato al riparo sotto qualche pietra o nella lettiera dei boschi, iniziano le migrazioni riproduttive che li porteranno verso le zone dove depongono le uova.

Finora sono stati messi in salvo 90 esemplari. I volontari si sono concentrati sulla frazione di San Ginese lungo via della Francese, una zona particolarmente popolata da rospi. Sono attrezzati con cartelloni, guanti e secchielli, materiali forniti dal Comune nell’ambito del patto di collaborazione #salvailrospo siglato due anni fa.

“I rospi sono importanti nell’ecosistema e bisogna assolutamente proteggerli– commenta l’assessore alla Tutela degli Animali Giordano Del Chiaro -. Per esempio si nutrono di alcuni tipi di insetti e di invertebrati che possono causare danni ai giardini e agli orti. Ringrazio quindi i volontari che, sfidando la pioggia e il buio, stanno portando avanti quest’operazione. Da parte nostra c’è la volontà di sostenerli e mi auguro che altri cittadini sensibili a questi temi vogliano dare una mano a questo volenteroso gruppo, rendendo la loro azione più efficace”.
Per ulteriori informazioni e per contattare il gruppo, pagina Facebook Salva il rospo – Capannori.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags