Appuntamenti Ecosistema

“Oro blu” di montagna e cambiamenti climatici: conferenza a Calci

Sorgente montagna_1
Il 20 febbraio incontro con Marco Doveri del CNR. Anche in Toscana i serbatoi naturali custoditi nelle rocce forniscono acqua preziosa e di alta qualità che bisogna tutelare.

 

CALCI (Pi) – Il 20 febbraio alle 16,30 presso il Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa si terrà la conferenza “L’oro blu di montagna: esempi di giacimenti acquiferi in Toscana” di Marco Doveri (Istituto di Geoscienze e Georisorse, CNR). L’evento si inserisce nel ciclo di incontri organizzato in occasione della mostra fotografica “Una montagna di vita – Ecosistemi d’alta quota e cambiamenti climatici“.

Le acque sotterranee rappresentano la principale fonte di approvvigionamento idrico dell’intero pianeta. Anche in Italia, e anche in Toscana, rivestono un ruolo fondamentale, essendo la maggior parte dell’acqua destinata a uso industriale, agricolo e potabile derivata da pozzi e sorgenti.

Particolarmente preziose sono le acque sotterranee delle aree di montagna. Le rocce infatti sono in grado di assorbire e far circolare al loro interno grandi quantità di acqua di ottima qualità, in gran parte restituita alla superficie attraverso le sorgenti. Questi serbatoi naturali, chiamati acquiferi, costituiscono dei veri e propri giacimenti in grado di custodire il più pregiato “oro”, quello blu, cioè l’acqua fonte di vita.

In Toscana ce ne sono molti. Tra i più importanti, gli acquiferi ospitati nelle rocce carbonatiche delle Alpi Apuane (Toscana settentrionale) e quelli delle rocce vulcaniche del Monte Amiata (Toscana meridionale). Questi serbatoi naturali forniscono acqua, attraverso gli acquedotti, i fiumi e le sorgenti, a centinaia di migliaia di abitanti.

Di questo e di tanto altro si parlerà durante la conferenza. Verrà mostrato anche con quali strumenti i ricercatori studiano le “acque invisibili” immagazzinate negli acquiferi montani e si discuterà di come i cambiamenti climatici e le attività antropiche possono minacciare questa preziosa risorsa, come di quali accorgimenti possiamo e dobbiamo mettere in pratica per salvaguardarla e mantenerla disponibile anche per le generazioni future.

Info e contatti:
info.msn@unipi.it – www.msn.unipi.it

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags
error

Condividi l'articolo sui tuoi social