Ecosistema Ricerca

Parco Arcipelago Toscano, un progetto per difendere api e farfalle

Impollinatori, Bionet Parks, api, farfalle, Portoferraio, isola d'Elba, Toscana, ambiente.
Gli impollinatori sono straordinari indicatori ambientali. Con il progetto di studio Bionet Parks verranno avviate attività per tutelarli su gran parte delle isole.

 

PORTOFERRAIO – ISOLA D’ELBA (Li) – E’ stato presentato al Nat Lab di Forte Inglese il progetto di studio Bionet Parks sugli impollinatori dell’Arcipelago Toscano, promosso e finanziato dall’Ente Parco con relatori gli esperti Enrico Ruzzier e Leonardo Forbicioni della World Biodiversity Association. Le attività di difesa di api e farfalle saranno gestite su gran parte delle isole dell’Arcipelago, in particolare a Capraia, all’Elba, a Pianosa, al Giglio e a Giannutri.

“E’ noto come molte specie di insetti che svolgono l’importantissima funzione di impollinatori siano in forte regressione – hanno argomentato gli organizzatori -. Purtroppo senza di loro molte specie di piante si estinguerebbero e gli attuali livelli di produttività potrebbero essere mantenuti solamente ad altissimi costi attraverso l’impollinazione artificiale. Le api domestiche e selvatiche sono responsabili di circa il 70% dell’impollinazione di tutte le specie vegetali viventi sul pianeta e garantiscono circa il 35% della produzione globale di cibo“.

Gli esperti hanno ricordato che secondo i dati pubblicati da Ispra più del 40% delle specie di invertebrati, in particolare api e farfalle che garantiscono l’impollinazione, rischiano di scomparire e in Europa il 9,2% delle specie di api europee sono minacciate di estinzione (International Union for Conservation of Nature2015). Sarà dunque fondamentale concentrarsi su quelle azioni che vedono gli impollinatori come straordinari indicatori ambientali e rivelatori ecologici rispetto alle diverse forme di inquinamento e alle spratiche agricole scorrette.

“In alcuni contesti è stata osservata l’interferenza tra le api domestiche e allevate e altre specie di impollinatori selvatici – hanno concluso i relatori – interferenza che si manifesta attraverso una competizione diretta per l’uso delle risorse e con la trasmissione di patologie. Tutto questo apre un nuovo orizzonte, serve dunque un’attenzione particolare alle modalità con le quali si pratica l’apicoltura in sistemi molto sensibili; in più l’Arcipelago Toscano ospita comunità particolarissime di lepidotteri, diverse da quelle che vivono sulla terraferma”.

Fonte: Parco Arcipelago Toscano

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags

Video