Rifiuti e riciclo

Per il secondo anno consecutivo il Carnevale di Viareggio è plastic free

La balena mangiaplastica, uno dei carri della scorsa edizione (foto Comune di Viareggio)
La balena mangiaplastica, uno dei carri della scorsa edizione (foto Comune di Viareggio)
Il sindaco Del Ghingaro ha firmato l’ordinanza che bandisce la plastica da corsi e rioni. Sei isole ecologiche e all’ingresso principale un grande cuore metallico per raccogliere le lattine.

 

VIAREGGIO (Lu) – Anche quest’anno il Carnevale più famoso d’Italia mette al bando la plastica e si può fregiare del marchio “Carnevale Plastic Free”. Per il secondo anno consecutivo il sindaco Giorgio Del Ghingaro ha firmato l’ordinanza che impone a tutte le attività all’interno del circuito della manifestazione di utilizzare esclusivamente materiale biodegradabile e compostabile in sostituzione della plastica: dunque posate, piatti, cannucce, bicchieri, stoviglie in genere, sacchetti e contenitori monouso per alimenti, saranno tutti di derivati della cellulosa o del legno. La stessa cosa vale per i commercianti, i privati e le associazioni all’interno dei circuiti delle feste rionali.

Via la plastica quindi, ma non solo: perché sono molte altre le iniziative per incrementare la raccolta differenziata sia all’interno che all’esterno del circuito del Carnevale, promosse dall’amministrazione comunale, Sea Risorse Spa e Sea Ambiente Spa, con la collaborazione dell’Osservatorio Rifiuti Zero del Comune di Viareggio.

Per cominciare, all’interno del circuito del Carnevale, vicino ai punti di ristoro, saranno collocate 6 isole ecologiche presidiate dove si potrà portare la carta, il multimateriale e l’organico. Due delle sei isole ecologiche saranno sorvegliate dai giovani volontari di Fridays For Future Versilia: in segno di riconoscenza per l’impegno degli attivisti Sea Risorse pianterà nuovi alberi nel territorio del Comune di Viareggio.
Le isole ecologiche saranno segnalate all’interno della mappa del corso esposta agli ingressi e con appositi pannelli. Sea Risorse distribuirà poi ai venditori ambulanti all’interno del circuito sacchi di diversi colori per differenziare la carta, il multimateriale e l’organico.

Fuori dal circuito, invece, in piazza Mazzini all’ingresso principale del Corso, un grande cuore metallico accoglierà i visitatori che vorranno disfarsi delle lattine vuote: si tratta dell’iniziativa A Carnevale ogni lattina vale, promossa da CIAL (Consorzio Nazionale per il Recupero dell’Alluminio): un grande contenitore a forma di cuore per le lattine vuote che i cittadini consumeranno o dovranno buttare prima di entrare. Anche in questo caso i volontari del CIAL, muniti di zaini/raccoglitori di lattine, andranno incontro ai visitatori e ai turisti per raccogliere i loro rifiuti di alluminio.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags