Urbanistica

Quartiere 2, il M5S: nei giardini di periferia incuria e degrado

Giardinetti_3
Arianna Xekalos, Daniele Bellucci e Angelo Spensierato (M5S): non ci sono più giochi per bambini, i giardini di Bellariva e di via Venosta ormai abbandonati a sé stessi.

 

FIRENZE – Giardinetti di periferia dove lo squallore regna sovrano. Abbandonati a sé stessi, privi di manutenzione, in uno stato di totale degrado e incuria. L’accusa viene dalla capogruppo del M5S al Comune di Firenze Arianna Xekalos e dai consiglieri pentastellati del Quartiere 2 Daniele Bellucci e Angelo Spensierato. I giardini in questione sono quelli di Bellariva e di via Venosta.

giardinetti_1“Nel primo non ci sono più giochi per bambini, sono rimaste solo due altalene, uno scivolo grande e uno piccolo, mentre le altalene per i bambini più grandi sono transennate perché pericolanti e alcune panchine distrutte. I giardini in via Venosta invece sono totalmente privi di qualsiasi gioco, nonostante siano molto frequentati da diversi bambini, che si ritrovano lì il pomeriggio dopo la scuola” spiegano la capogruppo e i due consiglieri.

Alle due interrogazioni che sono state presentate “l’assessore all’Ambiente ci ha risposto che i giardini di Bellariva e quelli di via Venosta “sono oggetto di regolare manutenzione ordinaria al pari delle altre aree verdi del quartiere” – continua Xekalos –  Se con questa risposta voleva rassicurarci non ci è riuscita affatto. Se è così che curano tutti i nostri giardini siamo messi proprio male”.

I consiglieri di quartiere aggiungono che i giardinetti di Bellariva rimangono aperti tutta la notte, diventando di fatto terra di nessuno, mentre quelli di via Venosta sono situati a ridosso dell’area bus e privi di recinzione. “Nel giardino di via Venosta ci sono dei bagni pubblici la cui gestione è lasciata alla libera improvvisazione di chiunque. Sarebbe il caso che l’amministrazione, visto l’appalto milionario per la gestione di dieci bagni considerati “turistici”, si occupasse anche dei bagni periferici” concludono Spensierato e Bellucci.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags