Rifiuti e riciclo

Rifiuti abbandonati, a Greve arrivano gli ecovigili

Greve_piazza_original-G

Da lunedì 10 aprile giro di vite contro chi sporca e deturpa l’ambiente. Ispettori ambientali in azione e attività capillare di informazione.

GREVE IN CHIANTI (FI) – Il Comune di Greve in Chianti alza un muro contro chi non rispetta l’ambiente, deturpa il paesaggio e danneggia il decoro urbano. “Nonostante la campagna di informazione sia stata puntuale e capillare, alcuni residenti si ostinano a non osservare le regole lasciando dove capita la busta dell’immondizia, incuranti dell’igiene e del decoro del loro territorio. E’ un atteggiamento che non possiamo più accettare”. Lo stop arriva dall’assessore all’Ambiente Stefano Romiti che mette in campo la figura dell’ecovigile per combattere e prevenire la trasgressione del rifiuto.

Da lunedì 10 aprile in tutto il territorio grevigiano entreranno in azione gli ispettori ambientali. Il Comune avvia, in collaborazione con il gestore del servizio Alia, un’operazione di controllo serrato, tesa a contrastare il fenomeno dell’abbandono e del non corretto conferimento dei rifiuti. L’attività si concentrerà nelle aree dove si rilevano maggiori criticità. “Sacchi di rifiuti abbandonati in prossimità dei cassonetti e buste dell’indifferenziato conferite in contenitori destinati a carta o multimateriale – aggiunge l’assessore – agli effetti dell’inciviltà rispondiamo con l’attivazione di un servizio di vigilanza, controllo e accertamento delle infrazioni”.

Le situazioni più complesse si verificano in maniera reiterata nella frazione di Strada in Chianti, ma il problema è presente anche nella aree servite dal porta a porta, motivo per cui l’intervento degli ispettori ambientali, su richiesta del Comune, si estenderà alla fascia serale dalle 18 alle 21 per verificare il rispetto della corretta differenziazione delle varie frazioni di rifiuti.

Tra le funzioni dell’ecovigile ci sono l’informazione ai cittadini sulle modalità e sul corretto conferimento dei rifiuti e la prevenzione nei confronti di quelle persone che, con comportamenti irrispettosi, possono arrecare danno al patrimonio ambientale. “Le regole ci sono – conclude l’assessore –  e vanno fatte rispettare anche per sostenere coloro che al contrario adottano atteggiamenti virtuosi e permettono di incrementare la raccolta differenziata. Grazie a questi ultimi e all’estensione, a tappeto, del porta a porta nel nostro territorio il dato di Greve è salito di oltre dieci punti percentuali in poco tempo, attestandosi al 67 per cento”.

Fonte: Ufficio Stampa associato del Chianti fiorentino

 

 

Condividi l'articolo sui tuoi social