Ecosistema

Uccellini, covate e piccoli mammiferi più protetti a Lucca grazie ad Anpana

ampana-lucca-soccorso-animali-toscana-ambiente
Il Comune ha firmato una convenzione con l’associazione per il recupero e il trasferimento degli animali soccorsi in un centro di cure e riabilitazione di Livorno. Call center attivo h 24.

 

LUCCA – La sensibilità di molti cittadini verso gli animali, i loro sentimenti e le loro possibili sventure sembra via via aumentare e in molti Comuni non tardano ad arrivare iniziative importanti per la loro protezione. La sezione di Lucca di Anpana, l’Associazione nazionale protezione animali natura e ambiente fondata nel 1985 e presente in tutta Italia, si occuperà d’ora in poi del recupero di uccellini appena nati, covate e piccoli mammiferi abbandonati ritrovati sul territorio comunale. L’amministrazione ha infatti firmato una convenzione sulla base delle disposizioni fornite dalla Regione Toscana in materia.

Da oggi, quindi, chi trova piccoli mammiferi o uccellini abbandonati sul territorio del comune di Lucca potrà contattare direttamente il numero attivo h 24 di Anpana Lucca (366/2780347). Entro le 24 ore successive al ritrovamento i volontari, addestrati e muniti di tutte le attrezzature necessarie, compreso un mezzo soccorso, effettueranno il recupero e il trasferimento degli animali al Cruma (Centro Recupero Uccelli Marini Acquatici) di Livorno dove saranno visitati, curati e, una volta svezzati, rimessi in libertà.

“Fino ad ora i Comuni tutelavano principalmente gli animali cosiddetti d’affezione, in particolare cani e gatti – spiega l’assessore all’Ambiente Francesco Raspini – . Adesso, grazie ai volontari dell’Anpana, che sono molto sensibili in questo ambito e adeguatamente preparati, andremo a occuparci anche degli animali selvatici. Per farlo  sarà tuttavia fondamentale la collaborazione di tutti i cittadini, che invitiamo a segnalare al numero unico, attivo 24 ore al giorno, eventuali avvistamenti sul territorio comunale”.

Anche il presidente Anpana Lucca, Angelo Bertocchini, si dice soddisfatto di questa convenzione. “Dopo Lucca, Capannori e Porcari – afferma – ci auguriamo che anche i Comuni di Altopascio e Montecarlo si adeguino a quanto disposto dalla Regione Toscana, così da poter coprire la Piana lucchese con questo servizio di recupero e soccorso pulli, covate e piccoli mammiferi orfani”.

Fonte: Comune di Lucca

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags