Appuntamenti Attualità

A Firenze un incontro su fake news e prodotti di origine animale

bufala-ambiente-toscana-fake-news

All’Accademia dei Georgofili il 5 aprile si parlerà di fake news e sensazionalismo nel settore zootecnico. Gli strumenti a disposizione del consumatore per distinguere le false verità dalle vere informazioni.

FIRENZE – Giovedì 5 aprile dalle ore 10.15, presso l’Accademia dei Georgofili si svolgerà l’incontro “Fake news, sensazionalismo e consumo di prodotti di origine animale. Impatti e metodi per il rilancio del settore zootecnico“. L’informazione ha un ruolo centrale nell’orientare le scelte individuali dei consumatori. In questo contesto, una problematica centrale è quella rappresentata dalle fake news. L’interesse su questo tema è aumentato in maniera esponenziale in seguito alle polemiche nate dalla diffusione di fake news nelle ultime elezioni politiche americane del 2016.

Nel campo delle scelte alimentari i consumatori sono bombardati da informazioni sui prodotti, ma non tutti sono in grado di riconoscere che molte si basano sul sensazionalismo, alcune sono scorrette, altre completamente false. Nel comparto delle produzioni animali, l’allarme della FAO sull’impatto delle produzioni animali sull’ambiente e quello dell’OMS sui rischi di cancro connessi al consumo di carni rosse ha reso questo problema ancora più evidente, con importanti ripercussioni per il settore.

L’Incontro propone una discussione sul tema delle fake news e del sensazionalismo nel settore zootecnico, affrontato dal punto di vista delle imprese e del consumatore. I temi trattati spazieranno dalla definizione e utilizzo delle fake news nel mondo dell’informazione fino alle contese nate da informazioni errate. A latere si offre uno sguardo sul ruolo dell’intervento pubblico nella tutela della corretta informazione. Si parlerà dunque di etichettatura e degli strumenti a disposizione del consumatore per distinguere le false verità e il sensazionalismo dalle vere informazioni. Informazioni: adesioni@georgofili.it

Fonte: Accademia dei Georgofili

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags