Attualità

Alunni toscani ruggiscono in difesa dell’ambiente

Progetto Roarr!

Con “Roarr!”, progetto che coinvolge 150 classi elementari di Arezzo, Prato e Siena. Una gara ecologica basata su una caccia al tesoro fotografica di eco-azioni e una raccolta di tappi da avviare al riciclo.

Sono più di 4.000 gli alunni delle scuole primarie delle province di Arezzo, Prato e Siena che stanno partecipando a Roarr! Risparmia, ricicla…ruggisci, progetto di educazione ambientale dedicato al risparmio energetico e alla raccolta differenziata ideato da Straligut Teatro in collaborazione con Estra e con la partecipazione di molti altri partner.
4.000 alunni di 150 classi che ruggiranno in difesa dell’ambiente insieme al simpatico leoncino testimonial del progetto, impegnandosi in una gara ecologica basata su una caccia al tesoro fotografica di eco-azioni a tema risparmio energetico, che ogni classe potrà poi “incollare” sul proprio album digitale sul sito www.roarr.it e su una raccolta di tappi di acciaio e plastica.

La presentazione del progetto. Al centro Francesco Macrì, presidente di Estra e Fabrizio Trisciani di Straligut Teatro
La presentazione del progetto. Al centro Francesco Macrì, presidente di Estra e Fabrizio Trisciani di Straligut Teatro

È da poco terminato il giro del Giuramento di Roarr! nelle scuole delle 3 province, momento insieme solenne e giocoso durante il quale agli alunni viene spiegato il funzionamento della gara e soprattutto il senso del progetto: l’importanza dell’impegno di ciascuno nel tutelare l’ambiente e il proprio territorio. Come?
Roarr! coniuga impegno ambientale e teatro, sperimenta il linguaggio teatrale come veicolo di partecipazione per comunicare contenuti e valori della sostenibilità ambientale e contribuisce a rendere le attività educative più innovative e originali.
Adesso perciò tocca ai bambini e alle famiglie, che dovranno completare i loro album digitali andando a caccia di eco-azioni da fotografare e tappi da raccogliere e avviare al riciclo. Ognuna di queste azioni farà guadagnare punti alle classi e al termine della gara, a fine gennaio 2018, verrà stilata una classifica: ogni tappo vale un punto e ogni figurina vale 500 punti.

Fin da subito la risposta degli alunni è stata molto incoraggiante: in pochi giorni sono state caricate sugli album online più di 5.000 figurine e raccolte molte migliaia di tappi. Il punteggio raggiunto darà accesso a un ricco catalogo di premi teatrali e ambientali che verranno erogati tra febbraio e giugno 2018: animazioni, letture, laboratori a tema energetico, sul riciclo dell’acciaio (grazie al sostegno di Ricrea, consorzio nazionale del riciclo e recupero degli imballaggi in acciaio) ed ecologico, grazie alla collaborazione con Legambiente.

In palio soprattutto tanti biglietti gratuiti per andare a vedere una selezione dei più interessanti spettacoli di teatro ragazzi del panorama nazionale, grazie alle partnership con In-Box dal Vivo, Rete Teatrale Aretina e Fondazione Teatro Metastasio di Prato.
Sienambiente inoltre metterà in palio una visita guidata presso gli impianti di compostaggio di Poggio alla Billa (Abbadia San Salvadore) e il Parco Faunistico del Monte Amiata.
Sempre in questi giorni è partito anche Estraclick, il concorso realizzato in partnership con Estra che premierà ogni settimana la più originale tra le figurine caricate con un buono acquisto di materiale didattico e la pubblicazione della foto sui canali social del progetto: in palio 11 buoni da € 150 ciascuno.
Energicamente – ha detto il presidente di Estra, Francesco Macrì – il nostro storico progetto di educazione ambientale rivolto ai temi dell’energia, lasciava aperto un vuoto: le prime classi delle elementari, dalla 1° alla 4°, un vuoto che con questo progetto, mirato nell’approccio ludico ad analoghi contenuti, andiamo oggi a colmare”.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags