Agricoltura Mondo Bio

Biodistretto del Chianti, prime adesioni da Tavarnelle e Barberino

I titolari delle aziende di Tavarnelle e Barberino che hanno aderito al Biodistretto del Chianti. Al centro, l'assessore all'Ambiente Marco Rustioni
I titolari delle aziende di Tavarnelle e Barberino che hanno aderito al Biodistretto del Chianti. Al centro, l'assessore all'Ambiente Marco Rustioni

Tra gli obiettivi del progetto, promosso da Greve e Gaiole, lo sviluppo delle produzioni biologiche locali e la semplificazione delle normative per la certificazione e il confezionamento dei prodotti.

TAVARNELLE VAL DI PESA (FI) – Si è costituito a Tavarnelle, nella sala del Consiglio comunale, il primo nucleo di aziende della zona che ha detto sì al Biodistretto del Chianti. Si tratta di Podere Erica, Poggio al Bosco, Elimar, Fernando Giachi e Fattoria Spoiano.

Le aziende, che producono biologico, sono le prime ad aderire al progetto, promosso dai territori di Greve e Gaiole, che al momento ha messo insieme un’ampia ed estesa realtà caratterizzata dalla partecipazione di una cinquantina di aziende che operano nell’area fiorentina e senese.

Nel corso dell’incontro, cui ha preso parte anche l’assessore all’Ambiente Marco Rustioni, sono stati illustrati i criteri e la modalità di adesione al progetto, con la necessità di sottoscrivere un accordo tra tutti i partecipanti. “Riteniamo che il coinvolgimento e la partecipazione degli attori della filiera biologica e delle istituzioni locali – precisa Amelia Perego, membro del direttivo del Biodistretto – siano necessari a promuovere il biologico all’interno e all’esterno del distretto”.

Agricoltura, semplificazione delle normative, tradizioni culturali, proposte turistiche. Numerosi i campi di intervento tesi alla valorizzazione dell’identità del territorio che si intrecciano nel programma di attività del Biodistretto del Chianti. Il punto di partenza dell’associazione è lo sviluppo delle produzione biologiche del territorio e della filiera corta biologica, ma il raggio di azione è esteso e diversificato.

Il Biodistretto agirà anche sullo snellimento delle procedure attivandosi per la semplificazione dell’applicazione delle norme relative alla certificazione biologica previste dai regolamenti comunitari e l’applicazione dei regolamenti per la trasformazione e il confezionamento delle produzioni agricole locali.

Altre iniziative analoghe, organizzate dai Comuni e dai promotori del Biodistretto, si sono tenute nelle settimane precedenti nei territori di Barberino Val d’Elsa e San Casciano Val di Pesa con la partecipazione di alcune aziende che hanno accolto con favore il progetto mirato alla gestione sostenibile del territorio.
Per tutti il passo successivo è la raccolta di firme delle aziende, l’individuazione di un referente e la richiesta ufficiale di ingresso nel Biodistretto.

Fonte: Ufficio Stampa Associato del Chianti Fiorentino

 

 

 

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags