Ecosistema

San Rossore, un logo e un decalogo per le “Spiagge del Parco”

spiagge-parco-migliarino-san-rossore-toscana-ambiente
Un nuovo logo per promuovere il turismo sostenibile del Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli. Bandiere, azioni plastic-free, tutela del fratino, qualità ambientale.

 

E’ nato il logo “Spiagge del Parco” di Migliarino San Rossore Massaciuccoli  per promuovere un turismo consapevole e sostenibile. “Doteremo le spiagge e gli stabilimenti balneari di bandiere con il logo – spiega il presidente del Parco Giovanni Maffei Cardellini –  e continueremo con le campagne per la salvaguardia del fratino e con azioni per la pulizia del mare e della costa, come abbiamo fatto con la recente iniziativa alla Meloria, con l’accordo siglato con i pescatori di Bocca di Serchio e con la pulizia organizzata domenica dell’associazione “Fruitori di Bocca di Serchio”.

“Abbiamo elaborato un decalogo che spiega i buoni comportamenti da tenere in spiaggia e stiamo lavorando a un nuovo sito web dell’ente Parco che avrà una sezione speciale riservata alle spiagge con l’indicazione delle attività che si possono fare: dai percorsi ciclabili alle iniziative culturali, completo di informazioni ambientali – continua Cardellini – e non è finita qui: insieme al Porto di Pisa, il primo in Italia riconosciuto “plastic free”, agli operatori degli stabilimenti balneari, alle associazioni ambientaliste e ai Comuni stiamo progettando altre azioni di promozione e di tutela ambientale, a partire dalle iniziative per l’eliminazione delle plastiche dal litorale, la raccolta e l’avvio a un corretto smaltimento”.

Il Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli conta 30 chilometri di spiagge da Viareggio a Calambrone e un’area marina protetta di 9000 ettari che insieme formano un ambiente in evoluzione naturale con dune, fasce alberate, le bocche dei due più importanti fiumi toscani, varie specie vegetali e animali rari.  Un ecosistema che deve essere salvaguardato, affrontando i problemi dell’erosione costiera e della plastica, sensibilizzando sull’importanza di vivere la natura rispettandola per permettere ai nostri figli di godere degli stessi paesaggi. Su quest’area si alternano lidi attrezzati per la balneazione, spiagge libere naturali, riserve integrali, fra le ultime del Mediterraneo con dune, lame e boschi.

Le Spiagge del Parco sono: Marina di Levante, Lecciona e Guidicciona, Marina di Torre del Lago, Bufalina e Marina di Vecchiano, Bocca di Serchio, Fiume Morto vecchio, Fiume Morto nuovo, il Gombo, Lame di Fuori, Bocca d’Arno, Marina di Pisa, Tirrenia, Calambrone.

Il decalogo:  vivi la spiaggia e rispetta la natura

Teniamo la spiaggia pulita, non abbandoniamo rifiuti, usiamo i cestini oppure buttiamo la nostra spazzatura nel bidone di casa, compresi i mozziconi di sigaretta;
plastic free, non portiamo in spiaggia bottigliette usa e getta e stoviglie di plastica, usiamo materiali compostabili e borracce da riutilizzare. Gli stabilimenti balneari si devono attrezzare con distributori dell’acqua e senza plastica;
non calpestiamo le dune, proteggiamo l’ecosistema utilizzando i sentieri segnati per arrivare alla spiaggia;
stendiamoci vicino al mare, restiamo entro i 30 metri dalla battigia, evitiamo di stenderci nella delicata zona dunale;
conosciamo la spiaggia e il mare, scopriamo quanti e quali organismi diversi popolano la nostra costa, magari aiutandoci con libri e guide;
rispettiamo la fauna, non raccogliamo meduse, stelle marine o altri organismi;
rispettiamo la flora e la natura, tronchi, alghe, foglie e altri materiali naturali vanno lasciati dove il mare li ha depositati, servono al mantenimento delle dune e contrastano l’erosione;
protezioni solari pulite; stiamo attenti a utilizzare filtri di origine minerale, gli altri inquinano il mare;
evitiamo il rischio incendi, non accendiamo falò sulla spiaggia o nelle vicinanze;
amici cani, stiamo con loro, portiamoli dove è consentito e teniamo a disposizione guinzaglio e sacchetti igienici.

Fonte: Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags
error

Condividi l'articolo sui tuoi social