Corsi

All’Ateneo di Pisa inaugurata la scuola per studiare i cambiamenti climatici

cambiamenti climatici, pisa, scuola, Toscana, ambiente.
E’ destinata ai decisori pubblici e privati con un approccio interdisciplinare e focus sulle aree metropolitane dove vive oltre il 60% della popolazione mondiale. 

 

PISA – E’ stata inaugurata oggi la prima edizione della Summer School dedicata ai cambiamenti climatici, organizzata dal Dipartimento di Giurisprudenza, risultato di una partnership dell’Università di Pisa con l’Agenzia delle Nazioni Unite UN Habitat, l’Università di Parigi Sorbonne, l’Università di Napoli Federico II, il New York Institute for Thecnology e l’Urban Climate Change Research Network. Direttore della Scuola è il professor Alfredo Fioritto.

Data la complessità del tema dei cambiamenti climatici la Scuola ha un approccio interdisciplinare e, infatti, è organizzata su tre moduli che affrontano problemi scientifici, giuridici e di pianificazione e progettazione urbana. Il focus  sono le aree metropolitane e le città dove oramai vive oltre il 60% della popolazione mondiale e dove più forti saranno gli impatti dei cambiamenti climatici.

Scopo della Scuola è quello di contribuire a rendere le città più resilienti. Il percorso si vuole fornire ai partecipanti strumenti analitici per comprendere meglio e affrontare le sfide che i cambiamenti climatici stanno imponendo a tutti gli Stati e che renderanno necessarie nuove forme di governance delle grandi città e aree metropolitane. La Scuola è indirizzata a giovani ricercatori ma anche ai decisori politici e amministrativi, funzionari pubblici, city manager, esperti di pianificazione e di sviluppo economico.

Erosione delle coste e aumento dei livelli del mare, spostamenti di grandi masse di persone e loro ricollocazione, desertificazione di vaste aree con impatti negativi sull’agricoltura e la produzione di alimenti, sono alcune delle grandi sfide cui l’umanità dovrà far fronte. Governanti di Stati, regioni, città dovranno confrontarsi con temi che richiedono specifiche e nuove conoscenze; già ora è necessario mettere in atto politiche pubbliche finalizzate a contenere il riscaldamento del clima e a ridurne gli impatti negativi.

Fonte: Università di Pisa

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags

Video