Rifiuti e riciclo

Castelnuovo: foto-trappole contro l’abbandono dei rifiuti

Castelnuovo_videosorveglianza

Il nuovo regolamento di videosorveglianza diventerà operativo nelle prossime settimane. Il sindaco Fabrizio Nepi: “Rafforzato il contrasto alla microcriminalità e all’abbandono indiscriminato di rifiuti”.

 CASTELNUOVO BERARDENGA (SI) – Telecamere su tutto il territorio comunale, dal capoluogo alle frazioni, e foto-trappole per contrastare l’abbandono indiscriminato di rifiuti. Promette di rendere la vita difficile ai “furbetti del rifiuto” il nuovo regolamento per la videosorveglianza di Castelnuovo Berardenga, che diventerà operativo nelle prossime settimane con l’installazione delle prime telecamere. Il Comune ha anche partecipato al bando regionale, quasi concluso, per accedere a nuovi fondi per l’estensione del progetto.

Le telecamere saranno collocate in luoghi sensibili come scuole, edifici e spazi pubblici. Segnalate e attive tutti i giorni, 24 ore su 24, saranno collegate con le forze dell’ordine che potranno accedere a immagini e dati. Le foto-trappole, invece, saranno collocate in aree strategiche individuate dal Comune per garantire il decoro urbano e la tutela dell’ambiente e del patrimonio pubblico, allo scopo di evitare il deposito abusivo di rifiuti e sostanze pericolose. 

“Il progetto di videosorveglianza – afferma Fabrizio Nepi, sindaco di Castelnuovo Berardenga – risponde alle richieste arrivate dal territorio e dai cittadini per garantire un controllo sempre più puntuale su tutto il territorio comunale. Le telecamere affiancheranno e rafforzeranno il presidio quotidiano della Polizia municipale e delle forze dell’ordine e saranno un ulteriore deterrente per eventuali episodi illeciti o di microcriminalità. Nel progetto di videosorveglianza  abbiamo voluto inserire anche le foto-trappole per contrastare in maniera sempre più forte l’abbandono indiscriminato di rifiuti che rappresenta una mancanza di senso civico e un danno per l’ambiente e il paesaggio”.

Fonte: Comune di Castelnuovo Berardenga

Condividi l'articolo sui tuoi social