Ecosistema

Mammiferi marini, il Parco di San Rossore aderisce al Santuario Pelagos

Tursiope
Il Parco regionale ha sottoscritto l’accordo di partenariato che impegna già 235 Comuni costieri tra Italia e Francia e il Principato di Monaco nella tutela dell’area marina.

 

Anche il Parco regionale di San Rossore, Migliarino e Massaciuccoli è entrato a far parte del Santuario dei Cetacei e ha sottoscritto l’accordo di partenariato Pelagos, al quale aderiscono 111 Comuni costieri italiani, 124 francesi e il Principato di Monaco.
Il Parco di San Rossore, tra le province di Pisa e Lucca, comprende 30 km di costa tra Calambrone e Viareggio e l’area marina protetta delle Secche della Meloria.

Il Santuario Pelagos è stato istituito nel 1991 per proteggere le balene, i delfini e in generale le specie marine. Si tratta di un’area di 87 mila chilometri quadrati tra il mar Ligure e il mar Tirreno affacciati sulle coste francesi, monegasche e italiane che interessano Provenza, Alpi Marittime, Costa Azzurra, Liguria, Toscana, Corsica e Sardegna.

Il Parco – spiegano dall’ente – collaborerà con i Comuni costieri per la valorizzazione e la promozione di Pelagos e per il contrasto agli sversamenti in mare, per potenziare le azioni pedagogiche di informazione, educazione e diffusione delle conoscenze. Azioni che si aggiungono alle attività già in corso che comprendono il monitoraggio della presenza dei cetacei e delle tartarughe marine, un servizio di turismo naturalistico per ampliare la conoscenza dei mammiferi marini che abitano le acque del Mar Tirreno, la valutazione dello stato di conservazione dei cetacei nell’area marina protetta, il consolidamento delle conoscenze scientifiche per una corretta strategia di gestione e protezione delle specie anche in relazione alle attività di pesca”.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags