Aziende

Montemurlo, Tessitura Italia dice stop alla plastica tra i telai

tessitura-italia-montemurlo-plastica-toscana-ambiente
Il titolare Andrea Borelli ha regalato ai dipendenti borracce e tazzine di ceramica. Una scelta semplice e a basso costo per cambiare direzione partendo dalle abitudini quotidiane.

 

MONTEMURLO (Po) – Il tessile a Montemurlo sta lavorando per una maggiore sostenibilità non solo in fatto di stoffe, tessuti e filati. Adesso la scelta “green” si declina anche nella gestione aziendale. La Tessitura Italia di via Giuseppe Di Vittorio a Bagnolo, prima nel distretto pratese, ha messo al bando tra i telai la plastica monouso, come bottigliette e bicchieri di plastica.

ll titolare, Andrea Borelli, ha dato seguito a quello che diceva Gandhi: “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. Così ha deciso di regalare a tutti i suoi dipendenti una comoda borraccia fornita di moschettone, da riempire all’erogatore di acqua che c’è in azienda, e tazzine di ceramica con tanto di cucchiaino per prendere il caffè alla macchinetta, anziché usare i bicchierini e palette usa e getta. Una scelta semplice e a basso costo, che però vuole stimolare altre aziende a cambiare direzione partendo dalle abitudini quotidiane.

La Tessitura Italia si è trasferita a Montemurlo dal Macrolotto pratese nel 2013. Nel capannone di via Di Vittorio sono attivi 28 telai e lavorano a turni, 24 ore su 24, sette giorni su sette, 16 operai. Borelli ha anche un’altra tessitura in via Perugia, sempre a Montemurlo, che produce solo stoffe bianche. “Ho il tessile nel sangue – dice Andrea Borelli – mio nonno nel 1948 aprì a Prato un lanificio e io ho sempre lavorato nel settore. Ho aperto la mia azienda che avevo 24 anni e nel 2014 ho festeggiato i vent’anni d’attività. Credo molto in quello che faccio e dico sempre che sono “drogato di telai”. Con il plastic free voglio fare qualcosa di buono anche per l’ambiente”.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags
error

Condividi l'articolo sui tuoi social