Attualità

Novità a San Rossore, arrivano i “Volontari del Parco”: entreranno in servizio a luglio

persone-natura-Rossore_Toscana-ambiente
Al centro della foto il direttore del Parco Lorenzo Bani

Una cinquantina di persone di tutte le età hanno risposto all’appello e dedicheranno un po’ del loro tempo libero alla cura della natura.

 

Redazione
20 Giugno 2022

PISA – Pettorine gialle, cappellini, sorrisi smaglianti e l’aria entusiasta di chi non vede l’ora di cominciare. In barba al caldo torrido di questi giorni. Sono i neo-volontari del Parco di San Rossore che hanno aderito all’iniziativa “I volontari del Parco” lanciata in primavera. Ed eccoli qui, una cinquantina di persone di tutte le età che hanno deciso di dedicare un po’ del loro tempo libero al Parco e alla cura della natura.

Questo fine settimana hanno partecipato al secondo seminario di formazione organizzato per loro dall’ente Parco e alla fine dell’incontro hanno ricevuto pettorine e cappellini. Cosa importante, ciascuno di loro ha scelto una delle aree tematiche, due delle quali si attiveranno subito a luglio. Si parte con attività nella Tenuta di San Rossore, con l’intenzione di allargarsi nel futuro alle altre tenute del Parco.

Le aree tematiche

Mare: informazione ai visitatori sull’uso corretto della spiaggia e protezione della fauna dell’ecosistema dunale (vedi nidificazione del fratino).
Eventi: presenza e supporto agli eventi speciali con informazioni ai partecipanti e aiuto per un migliore svolgimento.
San Rossore da curare e rispettare: presidio e controllo della tenuta in contatto con le guardie del Parco e informazioni sui corretti comportamenti da tenere per il rispetto dell’ambiente.
Parco da vivere: promozione e informazioni ai visitatori su tutte le possibilità di esplorare e vivere il Parco.

Cosa faranno i volontari

Educazione ambientale, promozione dei valori del Parco, informazioni ai visitatori, pulizie e azioni di cura del territorio, rilevazione di eventuali problemi e segnalazione ai Guardiaparco, supporto in caso di eventi culturali. Un’attività che non sostituirà quella del personale dell’Ente ma sarà una risorsa in più. Viene poi istituito un Registro dei Volontari anche per garantire le coperture assicurative.
«Sempre più persone vogliono partecipare alle nostre iniziative e ci chiedono di essere coinvolti – spiega il presidente dell’Ente Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli Lorenzo Bani –. Abbiamo deciso così di mettere a disposizione un’esperienza che, per coloro che credono nel rispetto e nella tutela dell’ambiente, sarà motivo di incontro, di conoscenza e di crescita personale”.

Tags


Advertisement