Rifiuti e riciclo

Un albero al posto dei rifiuti, il progetto green di San Rossore si candida in Europa

Foto di Mario Ciampi da www.parcosanrossore.org
Foto di Mario Ciampi da www.parcosanrossore.org
La piattaforma MayDayEarth.org, già attiva per segnalare e pulire dai rifiuti i 24 mila ettari della tenuta, adesso ha presentato la candidatura al bando Life 2020.

 

PISA – Sensibilizzazione ambientale, innovazione e senso civico: il progetto pisano MayDayEarth.org, nato nel Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, punta a diventare modello per tutto il territorio italiano ed europeo. L’innovativa piattaforma lanciata lo scorso dicembre per i 40 anni del parco ha presentato la candidatura per il bando LIFE 2020 della Commissione Europea.

Come funziona MayDayEarth.org

maydayearth.org è un sistema per condividere campagne di sensibilizzazione ambientale e di pulizia. Chiunque lo vuole può segnalare, tramite il sito o l’app, un luogo da pulire condividendo le foto dei rifiuti. Il secondo passo è fissare un evento per rimuovere l’immondizia abbandonata. Avvalendosi dell’aiuto del Parco e dell’associazione di riferimento per il territorio interessato  (Legambiente, Wwf, Lipu, Acchiapparifiuti, Amici delle Terra, Pro Loco Coltano, Federazione Canoa Kayak Versilia) si può lanciare una campagna aperta a tutti coloro che vorranno aderire. Il sistema è già attivo su tutti i 24 mila ettari del Parco.
«Un sistema digitale semplice, diretto e a disposizione di tutti, che mette insieme innovazione e tutela ambientale, capace di far ritornare il senso civico e fare rete per un bene comune da tutelare e difendere» spiega il presidente dell’Ente Parco Giovanni Maffei Cardellini.

Ma i rifiuti raccolti devono essere correttamente smaltiti. E qui entra in gioco Scapigliato srl che garantisce, in forma gratuita, la gestione dei rifiuti raccolti durante le iniziative di pulizia. Ultimo step del progetto, per ogni cumulo di rifiuti rimossi viene piantato un albero. La Fondazione Giorgio Tesi dona le piante, scelte dagli agronomi del parco secondo le caratteristiche dei luoghi, che vanno a “sostituire i rifiuti” dando nuovo ossigeno all’ambiente.

La candidatura al bando Life 2000

Nonostante le difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, utilizzando videoconferenze e sistemi di condivisione in cluod è stato possibile presentare alla Commissione Europea un progetto immediatamente attuabile.
Insieme all’Ente Parco, capofila, e a MayDayEarth.org (share-k srl), il partenariato comprende Anci Toscana, i Comuni di Vecchiano (PI), San Giuliano Terme (PI), Montescudaio (PI), Colle Val d’Elsa (SI) e Rosignano Marittimo (LI), Scapigliato srl (LI), Giorgio Tesi Vivai (PT), Giorgio Tesi Editrice (PT), ToScience (TO), WWF Alta Toscana e Legambiente Pisa.

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags