Abitare Ecovillaggi e Cohousing

Bioedilizia e cohousing, nuova autocostruzione a Terranuova Bracciolini

Foto da www.consorziosolidarieta.it
Foto da www.consorziosolidarieta.it
I proprietari partecipano direttamente alla costruzione della casa. La Regione ci mette 640.00 euro. L’auto-mutuo aiuto come strumento per migliorare la qualità dell’abitare e del vivere insieme.

 

TERRANUOVA BRACCIOLINI (Ar) – A Terranuova Bracciolini cittadini autocostruttori partecipano in prima persona alla realizzazione della loro casa. Il progetto di autocostruzione prevede 16 appartamenti suddivisi in 4 palazzine di 2 piani ciascuna, dotati anche di garage seminterrato. Le case saranno antisismiche e avranno un livello di qualità medio-alta con attenzione ai principi bioclimatici e di bioedilizia.

“La Regione – ha spiegato l’assessore regionale alla Casa Vincenzo Ceccarelli – partecipa a questa sperimentazione con un contributo a fondo perduto di 640.000 euro che vanno ad abbattere il costo di ciascuno dei 16 appartamenti di circa 40.000 euro. Ma l’aspetto più importante non è quello economico, quanto il fatto che i proprietari partecipano direttamente alla costruzione della casa e lavoreranno fianco a fianco per oltre un anno. Si vanno così a costruire relazioni sociali e ad abbinare politiche per l’edilizia a politiche sociali per l’inclusione. Grazie a questo progetto abbiamo la conferma che esistono modi diversi, ma comunque efficaci, di affrontare il tema del disagio abitativo”.

Ogni famiglia può portare in cantiere due o tre persone, anche senza esperienza, che complessivamente dovranno lavorare circa 900 ore in un arco di circa 16 mesi.
Il costo dell’acquisto, grazie anche al contributo della Regione, sarà accessibile per quella fascia di cittadini che altrimenti non potrebbero soddisfare il proprio bisogno abitativo (appartamento piccolo 151 mila euro, 174 mila per l’appartamento grande).

Il progetto lavora anche sulla dimensione sociale e comunitaria per la costruzione del bene comune attraverso un nuovo modello di abitare che prevede l’auto-mutuo aiuto come strumento per migliorare anche la qualità dell’abitare e del vivere insieme.
Gli appartamenti saranno ceduti in proprietà superficiaria ai cittadini in possesso dei requisiti previsti dal bando regionale soci della Cooperativa Edilizia di Abitazione “Terra-Nova“, che realizzerà l’opera in collaborazione con il Consorzio Solidarietà. La Cooperativa Terra-Nova ha ottenuto un mutuo da Banca Etica per cui ciascun socio assegnatario diventerà proprietario della propria casa estinguendo la propria quota parte di mutuo.
Per entrare a far parte del gruppo dei soci o della lista di attesa è sufficiente contattare: housingsociale@consorziosolidarieta.it

Fonte: Regione Toscana

Condividi l'articolo sui tuoi social
Tags