Appuntamenti Rinnovabili

Energie marine in Toscana: politici, ricercatori e imprenditori si incontrano

rinnovabili-mare-toscana-ambiente
Mercoledì 11 settembre a Firenze le esperienze pilota di Isola del Giglio e della Marina di Punta Ala del progetto europeo Maestrale coordinato dall’Università di Siena.

 

FIRENZE – “Le energie marine in Toscana: le esperienze pilota dal progetto Maestrale” saranno al centro dell’incontro che si terrà domani, 11 settembre, alle 10.30 nella sede della Regione Toscana (via di Novoli palazzo A, 2° piano).

L’incontro, promosso dai ricercatori del progetto europeo Maestrale, coordinato dall’Università di Siena con il dipartimento Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente, ha come oggetto lo studio e l’analisi di vincoli, opportunità e realizzabilità di azioni che sfruttino le “Energie blu” nell’area mediterranea. Dopo un percorso durato più di un anno, in quest’occasione saranno presentati i risultati ottenuti dai ricercatori attraverso i loro studi e gli eventi organizzati nell’ambito dei “Blue Energy Labs” in alcune aree della Toscana, come  Isola del Giglio e la Marina di Punta Ala.

I “Blue Energy Labs” sono dei laboratori – ai quali partecipano enti di ricerca insieme a istituzioni, cittadini e imprese –  nati per confrontarsi su come incoraggiare lo sviluppo del business e innescare la transizione verso fonti rinnovabili, in particolare quelle provenienti dall’uso delle onde del mare.

Dopo il saluto dei ricercatori dell’Università di Siena, che spiegheranno i contenuti del progetto Maestrale e le possibilità di sviluppo delle blue energy in Toscana, interverranno tra gli altri il sindaco di Isola del Giglio Sergio OrtelliDonatella Orlandi, responsabile del settore Pianificazione e Paesaggio del Comune di Castiglione della Pescaia, il Consorzio Lamma e Sauro Sorini, funzionario della Regione, che parlerà del nuovo piano delle infrastrutture portuali in Toscana. Per informazioni consultare il sito di Maestrale.

Fonte: Università di Siena

Condividi l'articolo sui tuoi social
error

Condividi l'articolo sui tuoi social