Ecosistema

“A Giannutri l’ancoraggio selvaggio distrugge i fondali”, l’allarme di Legambiente

Giannutri_ancoraggio selvag
Foto Legambiente Arcipelago Toscano

I danni sono evidenti sulle praterie di Posidonia, una volta molto più abbondanti. L’associazione: “Si faccia subito l’Area Marina Protetta”.

 

di Marcello Bartoli

GIANNUTRI (Gr) – Come ogni estate le coste dell’isola di Giannutri sono prese d’assalto da centinaia di imbarcazioni. E come ogni estate i fondali dell’isola vengono sistematicamente devastati dall’ancoraggio selvaggio: c’è chi butta l’ancora sulla prateria di Posidonia e chi sul fondale roccioso a pochi metri dalla roccia.

A lanciare l’allarme sulla distruzione dei fondali di Giannutri e del loro delicato ecosistema è Legambiente Arcipelago Toscano, che porta come esempio un episodio di malcostume nautico, uno fra i tanti, avvenuto domenica 18 luglio a Cala dello Schiavo, nel Golfo dello Spalmatoio.
Un motoscafo si è avvicinato a pochi metri dalla roccia (sarebbe dovuto rimanere ad almeno 100 metri), una persona si è gettata in acqua e ha buttato l’ancora sul fondale roccioso a una profondità di poco più di un metro. È questa una pratica illegale molto diffusa a Giannutri, fa notare Legambiente che l’ha più volte denunciata. I danni prodotti dalle ancore in anni di quest’andazzo sono ben evidenti sulle praterie di Posidonia, una volta molto più abbondanti.

La Capitaneria di Porto competente a intervenire è quella di Porto Santo Stefano, dista però diverse miglia ed è difficile che riesca ad arrivare sul posto in tempo utile. Succede così che questi trasgressori rimangano spesso impuniti.

Se l’ancoraggio selvaggio distrugge i fondali anche quello consentito produce altrettanti danni sulla prateria di Posidonia oceanica. “Il golfo dello Spalmatoio – spiega Legambiente – ha la più grande estensione di Posidonia oceanica di tutta l’isola ma non essendo zona protetta è sottoposto a una pressione notevole da parte degli ancoraggi i quali, finendo sulla Posidonia, nel tempo la distruggono (basta vedere i “buchi” formatesi all’interno delle praterie)”.

ancoraggio prateria Posidon
Ancoraggio su una prateria di Posidonia (foto Legambiente Arcipelago)

Che fare allora per proteggere questi preziosi ecosistemi? Intanto, rilancia l’associazione ambientalista, il Governo deve sostenere con più mezzi e risorse il lavoro di controllo e repressione svolto a Giannutri dalla Capitaneria di Porto Santo Stefano e dalle Forze dell’Ordine. Inoltre, ma questo è un problema nazionale, i trasgressori vanno colpiti nel portafoglio portando le multe irrisorie oggi previste almeno alla pari con altri Paesi europei a noi vicini, come la Francia.

Questi scempi non accadrebbero se Giannutri e tutto l’Arcipelago Toscano fossero un’Area Marina Protetta. È una classica storia all’italiana. Sono passati 25 anni dalla nascita del Parco, 39 anni dalla prima legge sulla protezione del mare che la prevedeva e 30 dalla legge quadro sulle Aree protette che ne ha ribadito l’istituzione. Ma dell’Area Marina Protetta ancora non si vede traccia. Legambiente: “Oggi gran parte dell’isola è interessata da aree 1 e 2 a mare che ricalcano le misure di salvaguardia istituite nel 1989 e che erano state pensate come provvisorie, in attesa appunto dell’Area Marina Protetta. Un’attesa però che non è mai finita”.

Tags

Toscana Biologica e-commerce

Il Mulino di Pietra e-commerce

Advertisement